Danno da emotrasfusione e onere della prova

di Redazione -
Secondo il principio di diritto espresso dalla Corte di Cassazione, nella controversia tra il paziente che assuma di avere contratto un’infezione in conseguenza di un’emotrasfusione, e la struttura sanitaria ove quest’ultima venne eseguita, non è onere del primo allegare e provare che l’ospedale abbia tenuto una condotta negligente o imprudente nell’acquisizione e nella perfusione del plasma, ma è onere del secondo dimostrare di avere rispettato le norme giuridiche e le leges artis che presiedono alle suddette attività. Ne consegue che qualora venga invocata la responsabilità contrattuale della struttura sanitaria, al paziente spetterà allegare solo una la condotta inadempiente del...