Comunità psichiatrica ed evento suicida: la responsabilità extracontrattuale della struttura con riferimento al danno iure proprio dei congiunti

di Marco Chironi -
La madre e la sorella di un uomo affetto da schizofrenia paranoide agivano in giudizio nei confronti di una Comunità protetta psichiatrica ove era ospite il loro congiunto. Le attrici esponevano che a seguito del riacutizzarsi della malattia, l’uomo era stato ricoverato presso la suddetta struttura specializzata e, dopo pochi giorni, aveva manifestato un netto dissenso e una evidente sofferenza. Le parenti a distanza di una settimana chiedevano allo psichiatra che fosse fissato un nuovo incontro con il congiunto, incontro che veniva negato per non compromettere il percorso terapeutico. A distanza di qualche ulteriore giorno, l’uomo veniva trovato privo di vita con il capo avvolto in un...