Un’applicazione “postuma” del decreto “Balduzzi”: assolto un infermiere giudicato in colpa lieve

di Alessia Teresa Accoto -

Con la sentenza in commento, il Tribunale di Parma ha applicato il decreto “Balduzzi” ultrattivamente, quale disciplina più favorevole. Nel caso de quo si assiste ad una pronuncia di assoluzione di un infermiere, imputato del reato p. e p. dall’art. 589 c.p., la cui condotta si è caratterizzata per colpa lieve, dovuta a negligenza ed imperizia nel verificare il corretto posizionamento di un sondino naso-gastrico su un paziente, in condizioni già critiche ed in seguito ceduto. È stato infatti ritenuto che la condotta del sanitario non fosse punibile ai sensi dell’art. 3 comma 1° del d.l. n. 158/2012, convertito con modificazioni dalla l. n. 189/2012, in quanto lo stesso aveva...