Malpractice medica: a dover provare il nesso causale tra condotta inadempiente ed evento lesivo è l’attore

di Stefano Corso -
Con ordinanza 11 marzo 2019, n. 6956, la Cassazione ha ribadito il consolidato principio relativo all’onere della prova del nesso di causalità in tema di responsabilità in ambito sanitario. Nel caso di specie, a seguito del decesso di una paziente per denunziata malpractice medica, agivano in giudizio le figlie nei confronti dell’Asl e dei sanitari in essa operanti, domandandone la condanna al risarcimento dei danni patiti. Dichiarato inammissibile l’appello avanzato verso la sentenza del giudice di prime cure, che aveva rigettato la domanda, veniva proposto ricorso per cassazione, ai sensi dell’art. 348 ter c.p.c. La S.C. rileva come l’esito della c.t.u. abbia esc...