Lesione del consenso informato e morte del paziente. Un caso al vaglio del Tribunale di Firenze

di Maria Grazia Peluso -
Un paziente, affetto da obesità grave e decubito del bendaggio gastrico, veniva ricoverato nella struttura ospedaliera convenuta. A seguito di diversi interventi chirurgici l’uomo decedeva a causa di una fistolizzazione ileale a cui era seguita una superinfezione e un grave shock settico. Agivano pertanto in giudizio i parenti del de cuius, lamentando la nullità del consenso informato prestato dall’uomo e chiedendo la condanna della struttura sanitaria al pagamento di tutti i danni iure proprio e iure hereditatis subiti. In via preliminare, il Tribunale fiorentino ha ribadito che la responsabilità addebitabile alla casa di cura deve es...