La necessità del consenso informato si desume dai principi generali dell’ordinamento

di Redazione -
La ricorrente sostiene che la sentenza avrebbe fatto erronea applicazione delle regole sul consenso informato, applicando retroattivamente le norme dell’art. 1, comma 2, lettera c), della legge 30 luglio 1998, n. 281, e dell’art. 5 della Ric. 2017 n. 15688 sez. M3 – ud. 22-11-2018 -3- Convenzione di Oviedo del 4 aprile 1997, ratificata con la legge 28 marzo 2001, n. 145, in relazione ad una fattispecie verificatasi in epoca precedente. [...] Osserva la Corte che la censura, che presenta evidenti profili di inammissibilità, è comunque priva di fondamento. La doglianza, infatti, non contesta in alcun modo l’affermazione della sentenza in esame secondo cui la mancanza del consenso informato ...