Attività d’équipe e cooperazione multidisciplinare nell’attività medico-chirurgica: i limiti della responsabilità del chirurgo, tra evidenza e settorialità.

di Stefano Corso -
La Cassazione, con sentenza 17 ottobre 2019, n. 26307, ha affrontato alcuni profili attinenti alla responsabilità in ambito sanitario, in particolare la responsabilità del medico all’interno di una équipe o in cooperazione multidisciplinare nell’attività medico-chirurgica, sia pure svolta non contestualmente. Nel caso di specie, una donna effettuava esami radiologici al seno presso una struttura privata e in seguito si recava in ospedale per l’intervento chirurgico. Tuttavia l’operazione cui si era sottoposta risultava successivamente non risolutiva, in quanto era mancata la corretta diagnosi. I radiologi della prima struttura infatti non avevano riscontrato immediatamente la neoplasia...